Il senso della linea

Prezzo: 28,00 €
Preloader

Il senso della linea, di Chiara Riva. 158 pag. a colori, f.to 19 x 26 cm.

L'ultimo libro italiano sul tema della calligrafia. Scritto da Chiara Riva, è forse l'esempio più originale poiché non si tratta di un ennesimo manuale ma di una riflessione sulla calligrafia, sulle differenze che la distinguono dalla tipografia e dal lettering e anche dalla semplice scrittura a mano. Aspetti ovvii per gli addetti ai lavori ma non per quella vasta platea di interessati che sta crescendo ogni giorno di più in Italia e che ci auguriamo possano seguire gli esempi dei maestri, ovvero di coloro che hanno introdotto la calligrafia in Italia negli anni '90 (e nel libro ne vengono ben delineate le origini) ma anche di coloro (più giovani) che l'hanno studiata a lungo e ne stanno facendo una professione. Il libro non è completamente esaustivo dell'opera dei calligrafi italiani poiché riflette l'esperienza diretta di Chiara Riva e poiché prende le mosse dal capitolo dedicato alla rinascita della calligrafia in Italia ad opera principalmente dell'Associazione Calligrafica Italiana tuttavia mostra un'ampia galleria di lavori.

Emerge dal libro anche l'interessante dibattito sulla grande questione attuale della tecnologia che sta minacciando la scrittura a mano ma che rappresenta anche un'occasione di rinnovamento per i calligrafi. Interessanti al proposito le opinioni di Giovanni de Faccio, di Luca Barcellona e di Alex Barocco. Sono molte nel libro le citazioni, perché l'autrice vuole veramente gettare luce sull'arte della calligrafia sotto varie angolature. Bello vedere nel libro molti validi lavori di calligrafia pura o applicata con le biografie degli autori. Per finire, un complimento a Chiara Riva che avrebbe potuto pubblicare un lbro intero di suoi lavori ma ha invece preferito realizzare una vetrina abbastanza rappresentativa della calligrafia italiana.

(Recensione di Anna Ronchi)