Dalla cancelleresca all'inglese

Prezzo: 18,00 €
Preloader

Francesco Ascoli, Dalla cancelleresca all'inglese, l'avventura della calligrafia in Italia dal Cinquecento ad oggi. Edizioni dell'orso, 2012.

Francesco Ascoli, che è stato presidente dell'Associazione Calligrafica Italiana, studia (e colleziona) da anni i manuali di calligrafia italiani. In questo libro evidenzia gli autori (molti sono sconosciuti ai più), le opere, i trattati, i modelli di calligrafia che hanno fatto la storia della scrittura dal Cinquecento in avanti. Se questo secolo è già stato molto studiato, i secoli successivi lo sono stati molto meno, quindi vale la pena addentrarsi fra le pagine del libro per conoscere meglio le vicende che hanno fanno sì che in Italia si producessero molti manuali (talvolta anche di grandi dimensioni), con varie tecniche, teorie e metodi anche bizzarri. I calligrafi si distinsero non solo per bravura ma anche per le diatribe e le lotte per imporre il proprio modello. Nulla di nuovo sotto il sole, forse all'epoca le proposte erano veramente numerose e la posta in gioco era diventare insegnante di calligrafia nelle scuole (l'ultima chance per gli ultimi calligrafi dell'Ottocento – inizio Novecento). Lo sapevate che a fine Ottocento operava a Montegiorgio nelle Marche un'associazione calligrafica italiana? L'unica pecca di questo libro molto interessante sono le fotografie troppo piccole.